Home > Archivio News

Archivio News

- Gestione dei permessi Elettorali

()

Gentile Cliente

In vista del Referendum costituzionale del 4 Dicembre, le mettiamo a disposizione questa circolare che spiega la gestione dei permessi elettorali richiesti dai dipendenti.

Cordiali Saluti



  Scarica il pdf



Autorizzazione Assegni Familiari

(Inps)

Buongiorno

Con il presente messaggio vengono riportare informazioni utili per l'utente al fine di richiedere gli assegni familiari.



  Scarica il pdf



- Nuovi incentivi Disabili

(Inps) L'INPS, con la Circolare n. 99 del 13 giugno 2016, fornisce le istruzioni operative per la richiesta e il godimento del nuovo incentivo per le assunzioni, effettuate dal 1° gennaio 2016, di lavoratori con disabilità.

  Scarica il pdf



- Detassazione 2016

(Ministero del lavoro) E' stato pubblicato, in data 16 maggio 2016, il Decreto Interministeriale 25 marzo 2016 (Lavoro-Economia) che disciplina l'erogazione dei premi di risultato e la partecipazione agli utili di impresa con tassazione agevolata (c.d. detassazione 2016).

In particolare, il Decreto disciplina i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione ai quali i contratti aziendali o territoriali legano la corresponsione di premi di risultato di ammontare variabile nonché i criteri di individuazione delle somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell'impresa. Il Decreto, inoltre, regolamenta gli strumenti e le modalità attraverso cui le aziende realizzano il coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell'organizzazione del lavoro e l'erogazione tramite voucher di beni, prestazioni e servizi di welfare aziendale (come, ad esempio, servizi di educazione e istruzione per i figli, o di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti, ecc.). Il Decreto applica i contenuti della legge di stabilità 2016, che prevede una tassazione agevolata, con imposta sostitutiva del 10%, per i premi di risultato e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell'impresa, entro il limite di 2.000 euro lordi (che sale a 2.500 euro per le aziende che «coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell'organizzazione del lavoro») in favore di lavoratori con redditi da lavoro dipendente fino a 50mila euro. Le aziende, qualora vogliano erogare premi di risultato e/o partecipazione agli utili relativi all'anno 2015 avvalendosi della tassazione agevolata, in base ad un contratto aziendale stipulato prima della pubblicazione del decreto, dovranno depositare il contratto aziendale e l'autocertificazione di conformità del contratto alle disposizioni previste dal Decreto, presso la DTL competente entro il prossimo 15 giugno.



 



- Denuncia Infortuni

()

Dal 22 marzo 2016 risultano semplificate le modalità di denuncia degli infortuni e delle malattie professionali nell'industria e nell'agricoltura.

Qualunque medico presti la prima assistenza ad un lavoratore infortunato sul lavoro o affetto da malattia professionale, é obbligato a rilasciare il certificato ai fini degli obblighi di denuncia, trasmettendolo esclusivamente per via telematica all'INAIL. L'adempimento di denuncia alla P.S. si intende assolto con l'invio all'INAIL della denuncia di infortunio con modalità telematica, senza quindi dover procedere ad ulteriore comunicazione. Sarà competenza dell'INAIL comunicare all'autorità di P.S i dati relativi alle denunce degli infortuni mortali o con prognosi superiore a trenta giorni.



 



- Dimissioni : ecco le linee guida

()

Si ricorda che da sabato 12 marzo, le dimissioni e le risoluzioni consensuali possono essere presente esclusivamente tramite la procedura telematica prevista dal Decreto Semplificazioni (D.L.vo n. 151/2015).In allegato troverete le linee guida con le principali novità relative alla nuova procedura.



  Scarica il pdf



- Mandato di assistenza

()

Alleghiamo il "mandato di assistenza e rappresentanza" che i dipendenti possono utilizzare per essere coadiuvati in caso di rassegna delle dimissioni e per altre pratiche relative al proprio rapporto di lavoro.



  Scarica il pdf



- Mancato versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali

()

Il Governo ha pubblicato il decreto legislativo n. 8/2016del reato per mancato versamento di ritenute previdenziali ed assistenziali. 1 che, tra le altre cose, ha previsto la depenalizzazione parziale.

La norma, che entra in vigore il 6 febbraio 2016, prevede due tipologie sanzionatorie:

A. in caso di omissione al versamento di ritenute previdenziali ed assistenziali, per un importo massimo di 10.000,00 euro, si pagherà una sanzione amministrativa da 10.000,00 a € 50.000,00 euro. Per evitare la sanzione, l'azienda dovrà versare, entro 3 mesi dalla contestazione o dalla notifica dell'accertamento della violazione, i contributi omessi.

B. in caso di omissione al versamento di ritenute previdenziali ed assistenziali, per un importo superiore a 10.000,00 euro, resta l'illecito penale che prevede la reclusione fino a 3 anni e una multa fino a lire 1.032,00 euro. Per evitare l'illecito penale l'azienda dovrà versare, entro 3 mesi dalla contestazione o dalla notifica dell'accertamento della violazione, i contributi omessi.

In definitiva, per quanto la norma abbia depenalizzato le omissioni contributive fino a 10.000 euro, si consiglia di rispettare la scadenza del 16 del mese, al fine di evitare la sanzione amministrativa che, in via ordinaria, è pari a 16.667 euro.



 





Tot. pagine : 2 - Vai alla pag. 1 - 2

Questo sito utilizza cookie, per saperne di più clicca qui. Cliccando su ok accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.